mercoledì 22 agosto 2012

La parola al POPOLO SARDO di facebook!

BuonSalve cari lettori appassionati navigatori.
Credete sia possibile riuscire ad avere idee brillanti durante il sonnellino pomeridiano? Vi confesserò una cosa: a me accade! Sarà per via dei buoni pranzetti mediterranei che si gustano qui a casa mia, o del caldo eccessivo che fa lavorare più velocemente i neuroni, o forse è solo ispirazione.
Eureka! I progetti, le idee brillanti, le intuizioni, nascono in un millesimo di secondo, o forse meno! 
E fu così che nacque il mio blog...E fu così che iniziai questo mio progetto (ancora in fase di start up)...
E  fu così che iniziai a conoscere, anche qui, sul web, persone straordinarie che come me credono nella grande rivalsa economica della nostra Sardegna.

Veicolare un messaggio ai giorni nostri è abbastanza semplice: e-mail, facebook, twitter, google e via dicendo.. Soffermarsi, riflettere e far proprio un messaggio è tutt'altra cosa!
Ecco perchè quel pomeriggio, riflettendo sui discorsi fatti, sulle interviste, sulla mia esperienza personale anche nel campo turistico, ho deciso di provar a fare un piccolo tentativo di sensibilizzazione sul tema della COOPERAZIONE. La fan page "Donne del nuorese" ha subito appoggiato e sponsorizzato l'idea, così anche la fan page "Nura Crea".


E questo pomeriggio, ecco che abbiamo dato inizio alla "propaganda facebookiana" con questo semplice messaggio:
Il segreto per lo sviluppo della nostra Sardegna? La Cooperazione tra tutti i sardi! E' la nostra strategia per uno sviluppo economico forte, per la rinascita della nostra identità, ancora più forte e orientata al futuro. Fai girare questo messaggio, tagga questa immagine, lascia un commento. Iniziamo con un piccolo gesto a far vedere a tutti che sappiamo far "Squadra". Facciamoci sentire!!! Cooperazione !!! Uniti! Per la Sardegna!
Il messaggio è partito da sole tre bacheche di facebook, come vedete anche nell'immagine, dalle nostre ovviamente :)
I risultati sono stati ottimi :) Purtroppo non ho gli strumenti per seguire tutte le condivisioni e le lunghe strade che intraprendono, così come i "Mi piace" e i commenti.

Posso solo dare qualche numero per ciò che riguarda i dati che noi stesse possiamo dimostrare empiricamente:
Il post è stato visitato da oltre 37.500 persone; circa 5000 persone hanno interagito con l'immagine: abbiamo registrato 138 "Mi piace", 137 condivisioni e 52 commenti. Tutto nel giro di poche ore e ancora i dati sono in continuo "movimento".
Queto risultato ci gratifica e il motivo posso dirlo a voce alta: i sardi ci sono! Rispondono! Tra loro c'è già chi ha le idee chiare e persegue questo stesso progetto, altri cominciano a prendere confidenza con questa nuova opportunità di sviluppo! Noi siamo davvero entusiaste per la nostra terra!
Riporto qui di seguito alcuni commenti (non indicherò l'identità per ovvi motivi di privacy), che dovrebbero essere davvero un'ispirazione per gli indecisi,per i più timidi, e soprattuto per i non interessati (maggioranza giovani), i quali dovrebbero prendere più seriamente le redini del proprio futuro.


Commenti salienti:
Sono d'accordissimo con questo discorso, se non si creano legami socio-economici concreti,  volti a creare qualcosa di durevole a favore della nostra Isola, non possiamo pretendere che S Sardegna si crei sviluppo!
Complimenti a chi ha scritto queste parole !! sarebbe una cosa bellissima .... ma la realtà spesso ci scoraggia, cooperare nelle zone interne della nostra isola è sicuramente più facile che farlo qui nel sulcis dove la gente spesso fa solo i propri interessi e se uno è in difficoltà anziché aiutarlo , meglio metterlo ancor di più in difficoltà !! ci vuole più sincerità nei rapporti umani e meno gelosia !! tutti insieme si può !!
Disponibilissimo a cooperare e reinventare il futuro della Sardegna, semplicemente con le "armi " che abbiamo....paesaggio, cultura, tradizione, storia,archeologia, lingue...un enogastronomico di qualita' sublimi e un artigianato di alta qualita' dal 2009 abbiamo la rete su tutto il territorio,questa e' l' arma piu' importante che possiamo usare per crescere.disponibile con idee e tempo!!!!
La rete ci rendera' liberi,di scambiare di conoscere e di valorizzare la nostra terra, ma soprattutto le diversita' del nostro popolo, un patrimonio inestimabile , il mio sogno e' quello di unire i sardi residenti con i sardi del mondo....e la tua pagina e' sulla buona strada!!!!
Qualche volta per vedere Meglio le opportunità della nostra terra, dobbiamo guardarla da lontano. Io da sempre la guardo da vicino e sono felice di poter far qualcosa per smuovere questa nostra voglia di crescere. Tante idee, tante professionalità, tanto patrimonio!
Sono continuamente rammaricato di vedere "stranieri" nella nostra terra che ci dimostrano quanto "la amino" facendoci il loro Business!!! Sono convinto xo' ke possiamo cambiare qst sistema tutti insieme ;-)
Benissimo, condividiamo in pieno, sono i concetti per i quali ci battiamo e spesso senza essere capite. più autodeterminazione, coesione nella valorizzazione delle risorse della nostra terra...dopo secoli di dominazioni dobbiamo riuscire ad essere i dominatori di noi stessi.... è questa la strada giusta
 Facciamo squadra? Riscriviamo la storia!
 
Ecco, questa è una mini dimostrazione che unendo le forze si possono raggiungere risultati concreti.

A questa immagine ne seguiranno altre? Chissà! Magari con domande più precise... o con una richiesta di ulteriore partecipazione.

Noi possiamo dirvi che questa non è utopia, e seppure lo fosse.....

   Cito Oscar Wilde: “Il progresso è la realizzazione dell'utopia” (L'anima dell'uomo sotto il socialismo, 1891). Questo per dire che abbiamo il dovere di inseguire le utopie e, nel caso specifico, quella di costruire per la nostra Nazione Sarda uno sviluppo turistico fortemente identitario, sostenibile e responsabile. Per fare questo non possiamo evitare di cooperare, è una necessità, anche se faticosa, ma dobbiamo farlo per noi stessi,  per i nostri figli e per conservare ciò che i nostri padri ci hanno tramandato. Non farlo significa abdicare a un dovere civico, storico e morale che implica la scomparsa del nostro popolo, in quanto Sardi"( cit. intervista al professor Giuseppe Melis).

Un caro saluto e un buon bloggerViaggio da me, dalle Donne del Nuorese e da Nura Crea.